,

Il tiglio è presente in modo uniforme su tutto l'arco alpino ed è per lo più frammisto al castagno.

Nella leggenda di Filemone e Bauci, il marito si trasforma in quercia, tipico albero maschile, mentre la moglie diventa un dolce tiglio.

Forse in ricordo di quella delicata storia d’amore e di venerazione per gli dei, il fiore del tiglio è diventato il simbolo dell’amore coniugale.

Classificazione, origine e diffusione:

 Divisione: Spermatophyta

Sottodivisione: Angiospermae


Classe: Dicotyledones


Famiglia: Tigliaceae


Il Tiglio nostrano è originario dell'Europa e del Caucaso. Si trova nei boschi freschi e umidi dal piano ai 1.200 m di altitudine, spesso in consociazione con carpino, farnia, olmo campestre, ontano nero, frassino maggiore, acero di monte, olmo montano e faggio. In Italia è poco comune allo stato spontaneo, si trova frequentemente in parchi e giardini.

Foglie e frutti di Tiglio nostrano
Tronco di Tiglio nostrano
Leggi anche: Il basilico: tutti i segreti per mantenerlo in vita più a lungo.

Caratteristiche generali.

Dimensione e portamento.

Alto fino a 40 metri, portamento arrotondato-conico.

Tronco e corteccia

Tronco diritto, rivestito da una scorza grigiastra, prima liscia poi screpolata con l'età.
 

Foglie

Decidue, lunghe da 5 a 12 cm, alterne, picciolate, ovato-cordata e acuminata all'apice, un po' cuoriforme alla base.
 

Strutture riproduttive.

I fiori sono giallognoli, profumati; il frutto è una pseudosamara, con pericarpio subgloboso o piriforme con guscio spesso, tomentoso-vellutato, percorso da cinque coste prominenti. 

Usi.

E' una pianta molto usata per alberature stradali e nei parchi; molto apprezzata per la produzione di miele. I popoli germanici e slavi consideravano sacro il Tiglio e forse per questo si trova spesso nelle vicinanze di chiese e case isolate nelle regioni del nord-est.

Interesse apistico.

Abbiamo trovato poche notizie ed abbastanza generiche.


I tigli sono intensamente visitati dalle api; in Italia sono diffusi irregolarmente e solo in Piemonte si produce miele monoflora di tiglio; saltuariamente si raccoglie da essi una melata dalle spiccate caratteristiche. Importanti produttori sono i Paesi dell'Europa centro-orientale.


In una ricerca effettuata negli Stati Uniti sono state contate sui fiori di T. americana, T heterophilla, T cordata e T platyphyllos 66 specie di insetti appartenenti a 29 famiglie.


Nell'ex Cecoslovacchia si è stabilito che il raccolto medio di nettare nelle 24 ore su ogni fiore è di 4,48 mg per T. platyphyllos, di 1,94 mg per T. cordata, di 3,41 mg per T. euchlora e di 1,97 mg per T. argentea, con un contenuto in zuccheri rispettivamente di 21%, 29%, 26% e 29%; il più importante produttore di miele, sempre nell'ex Cecoslovacchia, è T. cordata, che ne produce 90-125 kg ad ettaro.
Il tiglio è presente in modo uniforme su tutto l'arco alpino ed è per lo più frammisto al castagno.Twitta

Utilizzi in erboristeria.

 In erboristeria si utilizzano le infiorescenze ancora chiuse, raccolte assieme alle brattee al momento della fioritura in giugno-luglio.


I fiori di tiglio hanno proprietà sedative, antispasmodiche, diuretiche, sudorifere ed anticatarrali.


Sono indicati: contro insonnia, emicranie, vomiti nervosi ed ogni altra manifestazione nervosa compresa ansia, isteria, ipocondria; indigestioni, spasmi gastrici nervosi; arteriosclerosi; tossi spasmodiche ed asma.


La conservazione va attuata in luoghi asciutti, freschi e scuri, in cassette di latta o di legno. La droga deve conservare il colore giallo verdastro, altrimenti va scartata. Tra le varietà di tiglio sono da preferirsi quelle a fiore semplice come: Tilia platyphillos Scop, Tilia x vulgaris Hayne, Tilia cordata Mill.

Ricette.

 Tisana per l'asma: 60 grammi di fiori di tiglio e 40 grammi di foglie di arancio.


Tisana per l'emicrania: 20 grammi di fiori di tiglio, di foglie di rosmarino, di sommità della centaurea, di frutti di finocchio e di foglie di menta. Quattro tazze al giorno dell'infuso.


Acqua di tiglio: 40 grammi di estratto glicolico di tiglio e 160 grammi di acqua distillata. Indicata per lavaggi palpebrali, borse sotto gli occhi o tonico per pelli delicate e sensibili. 




Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui
nuovi contenuti del blog:

2 commenti:

  1. Un infuso a base di tiglio, facilmente reperibile in erboristeria, rappresenta uno dei rimedi naturali ideali per conciliare il sonno. L'infuso di tiglio possiede infatti straordinarie proprietà calmanti e rilassanti, che contribuiscono a favorire un buon riposo e a distendere le tensioni. L'infuso di tiglio viene utilizzato tradizionalmente anche per la cura di raffreddore, febbre e influenza. Possiede inoltre un'azione antisettica ed antinfiammatoria, oltre a costituire un valido aiuto naturale per combattere l'insonnia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dal tuo commento. Anche il gemmoderivato, ottenuto dalle gemme fresche, si usa per la sua azione sedativa e ansiolitica sul sistema neurovegetativo, e ipotensiva sul sistema cardiocircolatorio, palpitazioni e ipertensione, causate da tensioni nervose e stress. Inoltre è un ottimo antispasmodico con effetti benefici sul apparato intestinale indicato in caso di sindrome dell’intestino irritabile.

      Elimina