domenica 31 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

Proprietà ed effetti benefici dell'Anguria o Cocomero.

L'Anguria, o Cocomero (Cucurbita Maxima, famiglia delle Cucurbitacee), è il frutto di una pianta strisciante con fusto erbaceo, dalle foglie piccole e pelose ed i fiori gialli a campanula.

La forma del frutto, a seconda della varietà, può essere più o meno ovale o sferica, il colore può variare dal verde chiaro al verde scuro, striato, mentre la polpa, croccante e ricca di semi, può assumere colore rosso, rosato o giallastro. Le angurie sono originarie dell'Africa tropicale e già dai tempi degli antichi Egizi si hanno notizie di questo frutto, che veniva posto nelle tombe dei Faraoni perchè fosse loro di sostentamento nell'aldilà.

Giunte in Europa ai tempi delle crociate, le angurie vengono oggi prodotta principalmente in Cina, Russia e Turchia, mentre nella nostra nazione, la loro coltivazione è maggiormente diffusa in Emilia Romagna, Lombardia, Puglia e Lazio.

Anguria pianta

carajo

Proprietà ed effetti benefici delle Angurie.

Le Angurie sono costituite da circa il 95% di acqua e sono un frutto ipocalorico (30 kcal per 100g di prodotto), dallo scarso contenuto di fibre e dai grassi praticamente assenti. A parte il potassio (282 mg), di cui vantano un buon contenuto, le Angurie contengono uno scarso quantitativo di sali minerali: calcio (7 mg), sodio (3 mg), fosforo (2 mg) e ferro (0,2 mg), mentre fra le vitamine troviamo: la Vitamina A (37 mcg), la Vitamina C (8 mg) e alcune vitamine del complesso B: B1 (0,02 mg), B2 (0,02 mg), B3 (0,1 mg).

La presenza di licopene, infine, conferisce alle angurie il loro caratteristico colore rosso. Le maggiori proprietà delle angurie sono sicuramente diuretiche, dissetanti e depurative ed il loro consumo è indicato nei casi di ritenzione idrica, ipertensione, gonfiori alle gambe e cellulite.

Discreto è il loro apporto vitaminico mentre, dato il loro basso apporto calorico, le angurie vengono utilizzate nelle diete dimagranti, anche a causa del loro potere saziante.

Anguria

Il licopene in esse contenuto, inoltre, ha buone proprietà antiossidanti ed antitumorali e combatte i radicali liberi, apportando effetti benefici al sistema cardiovascolare ed alla pelle. Infine, vogliamo sfatare la credenza secondo la quale le angurie sarebbero un frutto poco digeribile, che in realtà trova spiegazione nel fatto che esse sono costituite per la maggior parte di acqua e quindi, se mangiate dopo pranzo, diluiscono i succhi gastrici e rallentano la digestione.

Le varietà delle Angurie Fra le principali varietà delle Angurie troviamo: Angurie Crimson Sweet varietà classica, dalla buccia verde chiaro con striature più scure e dai frutti tondeggianti leggermente allungati. Il peso medio va dai 10 ai 13 kg e la polpa ha un colore rosso vivo ed è molto succosa, dolce e compatta.

Angurie Sugar Baby hanno buccia di color verde scuro uniforme e forma più rotonda; presentano frutti dal peso e dimensione contenuti (3 - 5 kg) e dalla polpa rosso acceso, molto dolce. Angurie Charleston Gray presentano forma allungata, peso dai 15 ai 18 kg e lunghezza fino a 60 cm.

La polpa è rossa e compatta. Angurie Asahi Miyako dalla forma rotonda, hanno buccia di color verde chiaro e striature verde scuro, polpa dolce a grana fine. Come conservare le Angurie? Non è semplice capire, al momento dell'acquisto, se le angurie sono mature al punto giusto e in buono stato.

Ciò che possiamo fare sarà batterle con il palmo della mano, verificando che il rumore ottenuto sia sordo, ad indicare che il frutto, pieno d'acqua, è maturo. Le angurie vanno conservate in luogo fresco e, una volta tagliate, vanno tenute in frigorifero, avendo cura di ricoprirle con una pellicola trasparente per proteggerle.

Come consumare le Angurie?

Generalmente le angurie vengono consumate al naturale, a spicchi o a fette, mentre, tagliate a cubetti, apportano un tocco di colore e di freschezza in gustose macedonie o spiedini di frutta.

Anguria1

10 ricette con l’anguria:

1.- Gelatina di anguria meringata.

Gelatina di anguria meringata

2.- Aspic di anguria e melone.

Aspic di anguria e melone

3.- Gelato alla lavanda con anguria marinata.

gelato alla lavanda con anguria marinata

4.- Ghiaccioli all'anguria, rum bianco, lime e menta.

Ghiaccioli all'anguria, rum bianco, lime e menta

5.- Macedonia e gelato nell'anguria.

6.- Trionfo d'anguria.

7.- Pesto e anguria? La pasta sta fresca.

8.- Cocomero e melone in cucina sempre più sdoganati dal ruolo di fine pasto per approdare in originali piatti salati.

melone e cocomero

9.- Cocomero e melone con aceto balsamico.

Cocomero e melone con aceto balsamico

10.- Tabulè alla frutta.

tabule alla frutta

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
green-world-recycle-img5

Proprietà ed effetti benefici delle Banane.

Le Banane, oggi disponibili 365 giorni all'anno, tanto da farci dimenticare che sono un frutto esotico, rappresentano oltre 1/3 della frutta importata in Italia e vengono coltivate in oltre 150 paesi.

Le banane sono il frutto di una pianta erbacea (erroneamente definita albero), che appartiene alla famiglia delle Musaceae, il banano, conosciuta fin dall'antichità e presentano, alla raccolta, un colore verde e una buccia molto spessa. Le banane crescono a gruppi chiamati "mani" e, sovrapposti, formano quello che comunemente viene chiamato "casco".

In media da ciascuna pianta si ottengono all'incirca 300 frutti l'anno. Dopo la raccolta, come abbiamo detto quando le banane sono ancora verdi, continuano a maturare in apposite celle riscaldate mediante l'etilene, un gas sviluppato dagli stessi frutti.

banana comic

Proprietà ed effetti benefici delle Castagne.

Le Castagne, che appartengono alla categoria della frutta farinosa, non sono propriamente un frutto, in quanto i frutti del castagno sono i ricci.

Presentano una forma particolare, essendo tonde su un lato e piatte dall'altro; la polpa, color crema, è ricoperta da una pellicola marrone scuro-bruno ed è racchiusa in un guscio spesso e semimorbido color marrone scuro, esternamente lucido.

Le castagne, che tanto ci piaccio e gustiamo come caldarroste, magari accompagnate da un buon bicchiere di vino rosso, in cui possono anche essere bagnate, sono i semi del castagno, semi ricchi di carboidrati e sali minerali come il potassio, il calcio, il ferro, il sodio, il magnesio, il fosforo e il cloro, ma anche di fibre, proteine e vitamine C, PP oltre che le vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6).

castagne

Proprietà ed effetti benefici delle Ciliegie.

Le Ciliegie sono il frutto di una pianta, il ciliegio, le cui origini sono antichissime. Originarie dell'Asia occidentale, in Italia vengono coltivate principalmente in Veneto, Emilia-Romagna, Sicilia, Campania, Lazio e Puglia.

Le ciliegie si raccolgono da maggio ad agosto, a seconda della varietà e sono ricche di ferro (0,6 mg), calcio (30 mg) e potassio (260 mg); sono inoltre ricche di vitamine A (19 mcg), vitamina C (11 mg), zuccheri e fibre.

Contengono quasi il 90% di acqua e lo 0,1% di grassi. In commercio possiamo trovarle di due varietà, una a polpa tenera e una a polpa consistente. Le ciliegie a polpa tenera presentano la polpa rosso porpora, quasi nerastra e vengono usate principalmente anche nella produzione di sciroppi.

ciliege

mercoledì 27 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

Formaggi tipici italiani: la ricotta romana.

Le origini della ricotta romana sono antichissime e riferimenti storici risalgono a Marco Porzio Catone che raccolse le norme che regolavano la pastorizia nella Roma repubblicana dove il latte di pecora aveva tre destinazioni: religiosa, come bevanda e la trasformazione in formaggi con l'uso residuo del siero per ottenere appunto la ricotta.

Il disciplinare di produzione prevede che il siero debba essere ottenuto da latte intero di pecora proveniente dal territorio della regione Lazio e le operazioni di lavorazione, trasformazione e condizionamento dello stesso in ricotta romana devono avvenire nel solo territorio della regione Lazio.

La Ricotta Romana DOP è identificabile dal logo che contiene una testa di ovino e le scritte "ricotta" in giallo e "romana" in rosso.

La Denominazione di Origine Protetta è stata riconosciuta il 13 maggio 2005.

ricotta-romana-dop-marella-header

lunedì 11 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

Come fare le talee di rosmarino.

Il rosmarino, Rosmarinus officinalis, cresce senza tante cure, basta sistemarlo in terreni ben drenati, assicurargli una posizione riparata e soleggiata ed evitare eccessive irrigazioni.

Se puntate però a raccolti frequenti e abbondanti sarà necessario rinnovare la sua coltivazione sostituendo via via le vecchie piante lignificate e meno produttive, con altre più giovani. Niente paura, si può fare tutto da soli e in totale economia, vediamo come.

Sfruttando la capacità del rosmarino di moltiplicarsi per talea, da ogni pianta esistente ne potrete creare di nuove. Saranno sufficienti dei piccoli vasi (10 cm - 12 cm di diametro) e del terriccio.

rosmarino-1

domenica 10 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

Le proprietà nutritive e terapeutiche del cavolfiore: un ortaggio benefico.

Ricco di vitamine e sali minerali, il cavolfiore è un alimento sano ed equilibrato, essenziale in ogni tipo di dieta. Le sue qualità, sia nutritive che officinali, sono conosciute sin dai tempi antichi, molti metodi curativi includevano infatti i cavolfiori, la cui azione terapeutica è stata poi confermata da successive analisi specifiche.

La presenza di Calcio, Potassio, Zolfo, Iodio, Ferro e Fosforo, nonché di vitamine A, B1, B2, C, K, PP e Acido Folico, rende questo ortaggio molto benefico ed energetico.

A basso contenuto calorico, ha infatti solo 25 calorie per 100 grammi, risulta ottimo anche durante le diete dimagranti, ma è consigliabile un uso non frequente per chi ha problemi di colon irritabile, infatti grandi quantità di cavolfiore possono provocare gonfiore e problemi gastrointestinali.

cavolfiore-bianco

mercoledì 6 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

I 10 articoli più letti su Green Galletti nel mese di Luglio 2014.

1.- Proprietà ed effetti benefici delle Fragole.

Proprietà ed effetti benefici delle Fragole.

Le Fragole, frutto antichissimo, conosciute fin dai tempi dei greci e dei romani, appartengono alla famiglia delle Rosacee; viene usato lo stesso nome per indicare sia la pianta che il frutto e si raccolgono in primavera (tra aprile e giugno). La fragola è una pianta di sottobosco che viene coltivata anche in serra, permettendoci così di beneficiarne anche oltre il periodo primaverile. Tra le

Leggi il resto dell'articolo ... »

Proprietà ed effetti benefici delle Fragole.

Le Fragole, frutto antichissimo, conosciute fin dai tempi dei greci e dei romani, appartengono alla famiglia delle Rosacee; viene usato lo stesso nome per indicare sia la pianta che il frutto e si raccolgono in primavera (tra aprile e giugno). La fragola è una pianta di sottobosco che viene coltivata anche in serra, permettendoci così di beneficiarne anche oltre il periodo primaverile.

Tra le varietà possiamo trovare quelle rifiorescenti e quelle non. Possiamo trovare le fragole in due dimensioni differenti: - le fragole selvatiche, che sono più piccole e dal sapore ineguagliabile; - le fragole coltivate in orto, anch'esse di piccole dimensioni; - le fragole di serra, che sono più grandi.

fragole

venerdì 1 agosto 2014 0 commenti By: Fausto Baccino

Proprietà ed effetti benefici dei Fichi.

I Fichi sono i "frutti" (vedi nota più avanti) della pianta di fico (Ficus carica, famiglia delle Moraceae), hanno forma piriforme o "a goccia" e, in base alla varietà, assumono colore verde, nero, bianco, marrone o viola. La pianta del fico ha un fusto che può variare in altezza dai 6 ai 10 metri, è molto ramosa ed ha foglie lobate che presentano dai 3 ai 5 lobi, con parte superiore di colore verde più scuro e parte inferiore più chiara, ricoperta da una leggera peluria.

Anche se il fico viene comunemente considerato il frutto della pianta, esso è in realtà un'infruttescenza, cioè un insieme dei veri frutti, che sono in realtà dei piccoli "granelli" contenuti all'interno (alcheni). Il fico è originario dell'Asia Minore, infatti il termine "carica" nel nome della specie fa riferimento alla regione della Caria.

Ficus_carica_Panascè

I miei preferiti

Ultimi post pubblicati